Ultima modifica: 6 Aprile 2021
Istituto Comprensivo San Pancrazio Salentino (Br) > Attività e Progetti Scuola Primaria > Concorso di Scrittura Creativa e Creazione di un Fumetto
Ultima modifica: 6 Aprile 2021

Concorso di Scrittura Creativa e Creazione di un Fumetto

image_pdfimage_print

Vincitore della Categoria C del Concorso è l’alunna Francesca Di Mauro frequentante la clase 3° C della Scuola Primaria Don Milani del nostro Istituto.

Questo il testo con cui si è aggiudicata il premio:
“LA POZIONE MAGICA
C’era una volta una pozione magica che fece diventare i buoni cattivi( ma faceva diventare i cattivi buoni).
Ora ascoltiamo cosa diceva lo stregone mentre preparava questa pozione:<<Da angeli a..Diavoli!>>.
Ora torniamo al presente: Glicinicus ,re del Polo Nord, era buono e rispettava le regole, suo fratello Tribuzio, invece, era cattivo e invidioso di lui, dei suoi servitori Ping e Pong che davano i doni per Natale e perciò li aveva imprigionati; tutti gli altri,i folletti, i Pioppiesi, i sudditi , Pulcinella e Babbo Natale stesso, erano cattivi, anche perché lo stregone aveva fatto un’altra magia cioè, se non avessero digerito la pozione entro Natale, sarebbero rimasti così :cattivi e crudeli.
La sera della vigilia di Natale, tutti in casa riposavano: Babbo Natale era sul divano, gli elfi tiravano i fili di Pulcinella e Arlecchino , ad un tratto bussò lo stregone che si finse fratello di Babbo Natale e diede la pozione a tutti, per paura che finisse l’effetto di quella che avevano bevuto prima, così successe la magia: Babbo Natale diventò ancora più cattivo, tanto che volle cambiare vestito:<< Ne voglio uno nero! Basta con questo rosso caldo !>>.Anche gli altri si vestirono di nero.
Menomale che qualcuno era stato bravo e intelligente: Glicinicus, Ping e Pong non avevano bevuto tutta la pozione, perciò riuscirono a scappare e gliela fecero bere allo stregone che, essendo cattivo , diventò buono e così tolse la magia a tutti i nostri personaggi natalizi.
Tutto tornò alla normalità e lo stregone diventò anche lui un buon folletto e vissero tutti felici e contenti.

Allegati